28 maggio 2022

Salerno. Diritto allo studio e alla ricerca per i rifiugiati Ucraini: avviata collaborazione tra farmacisti e consolato

Salerno. Un patto a tre a sostegno dell’Ucraina. Questo quanto siglato dal console generale dell’Ucraina, Maksim Kovalenko, dall’ordine dei farmacisti della provincia di Salerno e dal dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Salerno. Un accordo di solidarietà finalizzato a garantire agli studenti e ai ricercatori di farmacia, attualmente rifugiati nel nostro paese, di proseguire nel proprio percorso di studio e formazione all’interno delle strutture campane. Un contributo a chi, in una situazione disastrosa come quella del conflitto, ha trovato la forza di continuare il proprio cammino scolastico.

La scelta delle istituzione salernitane è di centrale importanza. C’è infatti la convinzione che la difesa ucraina può consumarsi solo se la via delle armi e quella della formazione riescono a viaggiare parallelamente. Ma contestualizziamo meglio. Ad oggi l’esito del conflitto è ancora incerto. La Russia sta dimostrando la propria potenza militare, ma l’Ucraina resiste. In questo clima di precarietà, l’unica sicurezza è data dai danni. Il paese è in ginocchio, con città rase al suolo ed un ingente numero di morti. Risulta dunque chiaro che, qualora il paese di Zelensky riesca a mantenere il controllo del proprio territorio, sarà necessario ricostruire dalle macerie di una società impaurita e delle infrastrutture ormai inutilizzabili. In questa ottica tutti i paesi ospitanti devono garantire il prosieguo del proprio percorso di studi ai cittadini accolti. La preparazione culturale di una parte del popolo potrebbe fare si che, in caso di vittoria,il paese mantenga  una struttura economico-sociale solida e possa tutelare la propria indipendenza.

Oltre al motivo sopracitato, il gesto dell’università e dell’ordine dei farmacisti di Salerno si pone in garanzia del diritto allo studio, in Italia costituzionalmente garantito, e troppe volte non tutelato.

Condividi su:



SEGUICI SU:



ADS:




Articoli Correlati