21 febbraio 2022

Osservatorio per la sicurezza dei medici, Anelli: "Adesso bisogna attuarlo e garantirne il funzionamento"

Al via l'istituzione dell'Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli operatori sanitari e socio-sanitari previsto nella legge anti-violenza del 14 agosto 2020. È stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 18 febbraio, il decreto del 13 gennaio del ministro della Salute, di concerto con i ministri dell'Interno e dell'Economia e Finanze che in 6 articoli definisce compiti, composizione e funzionamento dell'Osservatorio. Pubblicazione che per il presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, "è una buona notizia perchè attraverso il monitoraggio degli episodi di violenza e delle cause che li scatenano si riesce a gestirli e prevenirli. Ora - dice Anelli - è importante insediare l'Osservatorio per continuare il monitoraggio".

Già da prima che ci fosse una legge (cioè dal 13 marzo 2018) l'Osservatorio era stato istituito al ministero della Salute e si è riunito diverse volte con il ministro Speranza. "L'istituzione con una legge rafforza il ruolo e l'attività dell' Osservatorio, rendendo pienamente efficace l'applicazione della legge stessa", spiega Anelli sottolineando che "se prima del Covid le aggressioni nascevano, il più delle volte, da una prestazione negata, ora, oltre all'aggravamento di questa forma di violenza, si è aggiunta la protesta di chi trova ingiuste le restrizioni, o l'obbligo di vaccinazione, o di Green pass". Si moltiplicano sit in sotto le sedi degli Ordini, atti vandalici, attacchi reali o virtuali, sui social. "Per questo, ora più che mai, è importante una rivoluzione culturale", afferma Anelli. L'osservatorio è istituito presso la Direzione generale professioni sanitarie e risorse umane dell'Ssn del ministero della Salute. Circa 60 i componenti in rappresentanza di ministeri, Regioni e di tutto il mondo della sanità. Non sono previsti oneri a carico del bilancio dello Stato e sono esclusi gettoni di presenza, compensi, rimborsi spese o altri emolumenti.

Condividi su:



Articoli Correlati