04 febbraio 2022

Fiaso, 1 donna su 4 partorito con Covid in ultimi 7 giorni e la percentuale in crescita

In sette giorni la percentuale di donne in gravidanza ricoverate nelle aree Covid di Ginecologia e Ostetricia ed entrate in sala parto è cresciuta fino al 26%. Una settimana fa, invece, le partorienti positive erano il 16% dei casi. Tra le positive al momento del parto, il 49% non era vaccinato. È stata analizzata, inoltre, la condizione vaccinale di tutte le partorienti, positive e non: le vaccinate erano solo il 55%. Di contro, il 45% non aveva fatto la profilassi nonostante sia raccomandata. Su un totale di 251 parti monitorati nelle 8 strutture sanitarie dalla Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), 65 sono avvenuti in area Covid. Complessivamente, dunque, il 26% delle gravide ha contratto l’infezione da Sars-Cov-2 e ha partorito con il Covid.

Tra le donne risultate positive al momento del parto, il 49% non era vaccinato e l’11% aveva sviluppato sintomi respiratori e polmonari tipici della malattia da Covid. È stata analizzata, inoltre, la condizione vaccinale di tutte le partorienti, sia le donne positive al virus sia le donne senza infezione: la percentuale delle vaccinate era solo del 55%. Di contro, il 45% delle donne in attesa e in procinto di partorire non aveva ancora fatto la profilassi vaccinale contro il virus Sars-Cov-2, nonostante sia raccomandato dal Ministero della Salute e dalle società scientifiche dei ginecologi e dei pediatri.

“Il numero di partorienti che arrivano in ospedale e risultano positive al Covid è in crescita e crea pressioni sulle strutture sanitarie costrette a duplicare i percorsi e a dirottare risorse per aree ostetriche Covid. Occorre più che mai rivolgere un appello non solo a mamme e papà, ma anche e soprattutto ai medici, in particolare i ginecologi, che seguono le gravidanze e con i quali le future madri hanno un rapporto di fiducia: avviino una campagna seria di sensibilizzazione per fugare i dubbi delle donne sulla sicurezza del vaccino e convincerle a vaccinarsi”, commenta il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore.

Condividi su:



Articoli Correlati