26 gennaio 2022

Avellino. Pochi vaccini garantiti agli studenti: i sindacati incontrano l'Asl per affrontare il problema

Avellino. Incontro tra l’Unione degli studenti e la direttrice dell’Asl Maria Morgante. Oggetto della riunione la questione vaccinale. Il sindacato scolastico ha infatti lamentato le difficoltà, da parte dei ragazzi di età compresa tra i 14 e i 18 anni, ad aderire alla campagna di somministrazione. L’incontro, tenutosi lo scorso 24 gennaio, ha avuto esito positivo. Entrambe le autorità hanno manifestato l’intenzione di collaborare nel cercare di risolvere il problema al fine di assicurare completa sicurezza tra i banchi. Nello specifico la compagine sanitaria ha garantito la creazione di un canale riservato agli studenti, attraverso l’organizzazione di open day presso i vari centri vaccinali della provincia. “Stiamo riscontrando i primi risultati, frutto del lavoro delle ultime settimane” ha commentato Anita Maglio, responsabile organizzazione Uds Avellino.

L’accordo con l’Asl, tuttavia, rappresenta solo il primo passo per il progetto. Lo step successivo sarà quello di avviare un dialogo con la provincia, la quale dovrà autorizzare l’utilizzo delle strutture. Completato questo passaggio si procederà ad un sopralluogo da parte dell’asl stessa. Se in seguito a questo controllo l’ente rilasciarà il certificato di idoneità si potrà fissare la data, il luogo e l’orario.

Resta da registrare il forte senso di responsabilità della compagine sindacale scolastica, la quale si dimostra mosca bianca. Negli ultimi tempi, infatti, il dibattito nazionale sul tema pandemico si sta caratterizzando per una forte valenza demagogica, fatta di rappresentati politici che sfruttano l’onda emotiva contro le misure di restringimento varate dal governo per aumentare il proprio consenso elettorale. Ancora una volta, dunque, gli studenti hanno lanciato un messaggio forte contro il populismo della politica ed il disinteresse delle istituzioni.

Condividi su:



Articoli Correlati