21 gennaio 2019

Discriminazione pazienti sieropositivi. Dott. Luigi Laino: Prestare assistenza nel rispetto delle norme

Discriminare pazienti affetti da Hiv è contro la legge e il codice deontologico dei medici e degli odontoiatri. Lo ha ribadito ancora una volta il Ministro della Salute Giulia Grillo, in riferimento al recente accaduto di un giovane sieropositivo messo alla porta da un odontoiatra romano. "Tutti gli operatori sanitari quando vengono a conoscenza della positività del paziente al virus dell'Hiv sono tenuti a prestare la necessaria assistenza - ha affermato il Ministro - Quindi quello che il medico ha riferito cioè che non era obbligato perché era nel suo studio privato è totalmente falso".

"Per tutti i pazienti che vengono trattati in un ambulatorio odontoiatrico - ha detto a RCS Salute il Dott. Luigi Laino, Ricercatore presso l'Università della Campania 'Luigi Vanvitelli' - bisogna osservare un rigoroso protocollo di sterilizzazione dello strumentario e di prevenzione delle infezioni crociate".

"Tutti i pazienti che trattiamo devono essere considerati potenzialmente infetti e a tutti devono essere garantite delle prestazioni con standard di igiene adeguati alle normative vigenti. Qualora questo tipo di standard non possano essere garantiti per una qualsivoglia ragione tecnica o strumentale, è dovere del sanitario interrompere e o negare qualsiasi tipo di prestazione al fine di tutelare la salute del paziente stesso".

 

 


Redazione


Condividi su:



REGISTRATI SU:




SEGUICI SU:



Articoli Correlati