19 novembre 2021

Nicoletta Iedà è il nuovo primario del reparto di Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba

Nicoletta Iedà è il nuovo primario del reparto di Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba. Ha già lavorato a Erba dal 2007 al 2011. Tra le altre esperienze, l'Ospedale San Gerardo di Monza e l'Istituto Humanitas. «Il periodo professionale che ho trascorso ad Erba in passato - dichiara - è stato superiore alle aspettative, perchè, insieme allo standard clinico, questo ospedale ha sempre trasmesso una particolare attenzione verso il paziente, necessaria per il salto qualitativo verso l'umanizzazione della cura. Cosi, dopo il periodo di formazione ostetrica nell'Università Milano Bicocca e chirurgica presso l'Isituto Clinico Humanitas, mi è sembrato doveroso e stimolante mettere al servizio della mia città ciò che avevo imparato». 

Per il futuro, il primario intende garantire dei percorsi ostetrici personalizzati e sicuri. «La valutazione medica - dice - deve avere come obiettivo l'individuazione e il contrasto dei fattori di rischio, ma anche la fisiologia e naturalità della gravidanza e del parto, necessarie per evitare un'eccessiva medicalizzazione, che potrebbe interferire negativamente con l'instaurarsi dei un equilibrato legame materno-neonatale». Altri obiettivi sono: rendere sempre più facilmente fruibile il percorso ostetrico ed accogliente il reparto di Ostetricia;  implementare modalità chirurgiche sempre meno invasive, che permettano un recupero anatomico e funzionale più rapido; ottimizzare i servizi ambulatoriali ginecologici soprattutto in ambito di prevenzione oncologica (colposcopie, isteroscopie, ecografie ginecologiche di secondo livello). 

Dove investire? «Sulle risorse umane,caratterizzate dal connubio fra professionalità ed empatia» è la risposta. Nel futuro del reparto, spiega ancora il primario, ci sono «percorsi ostetrici prestabiliti che assicurino la continuità di cura assistenziale e che siano fruibili anche per i consultori familiari della zona, una offerta completa di diagnosi prenatale non invasiva, un rreparto ostetrico a misura di famiglia dal punto di vista organizzativo e strutturale e l'attivazione di servizi ambulatoriali di alta specialità come in ambito di endometriosi». Parte integrante del network Ospedali Bollino Rosa, l'ospedale erbese aderirà alla Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne attraverso l'erogazione di visite gratuite, come pap-test ed ecografie mammarie. Nella giornata del 25 novembre, dalle 14 alle 16, verranno messe a disposizione dell'utenza le seguenti prestazioni gratuite: 8 ecografie mammarie, 20 pap-test, sportello assistenza sociale e psicologa con accesso libero. (Si allega la foto del primario con autorizzazione di pubblicazione).

Condividi su:



Articoli Correlati