10 novembre 2021

Londra. Arriva la conferma dei ricercatori: nel Tamigi ora nuotano gli squali

Londra. La conferma è arrivata pochi giorni fa, il Tamigi - il fiume più famoso del Regno Unito - è pieno di vita, ma a nuotarci ci sono anche gli squali. È la scoperta fatta dagli zoologi impegnati in un progetto di mappatura e conservazione della fauna del grande corso d’acqua, che attraversa l’Inghilterra meridionale – e la capitale – per oltre 300 chilometri. Negli anni Cinquanta il Tamigi era stato dichiarato «biologicamente morto»: era una fogna a cielo aperto ridotta a una melma scura, talmente inquinato che la vita nelle sue acque si era estinta. Ma dagli anni Novanta è iniziato il recupero: i livelli di ossigeno sono cresciuti e il fosforo è diminuito, grazie a un migliore sistema di filtraggio degli scarichi che trattiene le sostanze chimiche dannose.

Così la vita è tornata sulle rive di Londra: oltre a più di cento specie di pesci, nell’estuario hanno trovato casa anche centinaia di foche. Ma adesso sono arrivati pure gli squali: ne sono state avvistate diverse tipologie, che hanno scelto quelle acque come habitat per riprodursi e far crescere i piccoli. Adesso li stanno studiando, per capire quanti ce ne sono e che abitudini hanno. Una buona notizia sul fronte della conservazione della natura: forse un po’ meno per chi è così coraggioso da avventurarsi nel fiume. Appena l’estate scorsa nel Tamigi si era svolta pure una nuotata di beneficenza; e ogni anno si tiene la tradizionale regata che contrappone Oxford a Cambridge.

Condividi su:



Articoli Correlati