06 agosto 2021

Superbonus 110%, arriva il modulo Cila: cosa cambia e come compilarlo

Il Superbonus, il motore che doveva trainare l’edilizia in questo periodo particolare si è rivelato fino a questo momento particolarmente ostico sia nella concessione che nell’esame della documentazione. Questo aspetto ha spinto milion di italiani a rinunciare a questo tipo di opere e virare su contributi più semplici da ottenere o ad evitare totalmente le lavorazioni. Il ciclo produttivo che può scaturire dal superbonus è notevole, oltre a garantire tantissimo in ambito green, cosa che ha spinto le istituzioni a rimodularlo sperando di renderlo più appetibile. L’ aspetto più ostico è stato per molti la presentazione della CILA e proprio sotto questo aspetto si è operato per far si di rendere il tutto alla portata degli utenti. Il modulo Cila-Supernobus, nella sua nuova forma contiene unicamente le informazioni cardine per il procedimento:

Gli estremi del permesso di costruire o documentazione equivalente ( per gli immobili edificati prima del 1967 basta una dichiarazione), una dichiarazione di conformità dell’intervento da realizzare a firma del progettista ( in precedenza era richiesta l’attestazione di stato legittimo)  e l’elaborato progettuale  in cui è descritto in maniera sintetica l’intervento da realizzare. Tutto ciò che riguarda gli elaborati grafici va presentato solo in caso siano indispensabili per illustrare chiaramente e in maniera complementare la descrizione delle opere. Alla dichiarazione, presente sul sito della Funzione Pubblica, è allegata una tabella riepilogativa degli allegata, in modo da risultare ancora più semplice il procedimento.

In questo modo l’iter procedurale si semplifica sia in ambito di tempi ( in media per ottenere la documentazione dagli archivi comunali sono necessari 90 giorni per ogni unità abitativa) e si abbattono i costi in quanto la raccolta di questa documentazione comporta una spesa complessiva superiore ai 100 milioni di euro, denaro che può giustamente essere investito nella produzione effettiva. In questo modo sembra che davvero possa finalmente possa sbloccarsi ma la macchina amministrativa e rendere i nostri edifici più nuovi e più green.

Condividi su:



Articoli Correlati