24 luglio 2021

Clima, in Cina "il diluvio del millennio": 200 mila evacuati, 33 morti e 8 dispersi

L’Henan è una regione della Cina, estremamente piana, il suo nome è spesso inteso per indicare tutta la zona di pianura della Cina del Nord, e nei suoi confini vivono circa cento milioni di persone. In questi giorni è salita agli onori della cronaca per un qualcosa di tutt’altro che positivo. Quello che gli esperti hanno ribattezzato come “Il Diluvio del millennio” è stato un fenomeno atmosferico di tipo estremo che ha messo in ginocchio una delle zone più floride della Cina. Infatti una serie di violenti e rarissimi temporali hanno tempestato la zona, portando all’evacuazione di ben trecentomila persona e alla morte di 33 di cui 12 rimaste affogate nella metropolitana.

Nella sola capitale le piogge hanno riversato finora livelli mai registrati pari a 449 mm di acqua in poche ore, paralizzando il tutto, con livelli giornalieri anche di 280 mm, soglie senza eguali nella storia. Le immagini che circolano sui social sono da tregenda, macchine travolte dalla furia dell’acqua ed abitazioni inondate. Se negli scorsi giorni in Mongolia sono cadute due dighe senza conseguenza gravissime, al momento si registra una breccia di più di 20 metri nella diga Yihetan a Luoyang, una megalopoli di circa 7 milioni di persone, dove il cedimento totale della struttura potrebbe portare ad una catastrofe incredibile.

I soldati sono stati dispiegati nell'area e un comunicato dell'esercito ha avvertito che potrebbe «crollare in qualsiasi momento».  Il presidente cinese Xi Jinping ha definito «estremamente gravi» le inondazioni che hanno colpito la Cina e in particolare la provincia di Henan sottolineando che «salvare la vita delle persone è la massima priorità» delle autorità. Nelle istruzioni date, Xi, dopo le ultime vittime registrate nell'Henan, ha affermato che "la situazione del controllo delle inondazioni è estremamente grave" e che gli eventi erano in una "fase critica", nel resoconto dei media ufficiali. Anche la vicina megalopoli di Shanghai ha già emesso un allarme blu per venti forti, avvertendo le navi di tornare nei porti per mettersi al sicuro e il dipartimento di prevenzione delle inondazioni di prepararsi a possibili allagamenti. Tralasciando gli enormi danni economici di cui sarà vittima l’area, abbiamo ancora una volta una visione delle conseguenze terribili a cui sta portando il cambiamento climatico.

(Giuseppe Giuliano - Rcs Salute)

Condividi su:



SEGUICI SU:



ADS:




Articoli Correlati