16 luglio 2021

Tumori cerebrali, Talacchi (San Giovanni Roma): "Pazienti facciano semplice tac per diagnosi precoce"

"Sono due i messaggi che voglio lanciare: il primo è che se si ha il sospetto di malattia meglio farsi una Tac piuttosto che aspettare; il secondo è che se una persona deve farsi curare, è meglio che vada in un centro attrezzato per tutte le esigenze della malattia, lungo tutto il suo decorso. In questo caso il PDTA è una 'certificazione di qualità'". Risponde così ildottor Andrea Talacchi, direttore della UOC di Neurochirurgia presso l'azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma, intervistato dall'agenzia Dire in occasione della recente attivazione, all'interno del nosocomio, del Percorso diagnostic terapeutico assistito (PDTA) sui tumori cerebrali e spinali (di cui Talacchi è coordinatore). "Il PDTA è costituito da un gruppo di esperti multidisciplinari, nel nostro caso all'incirca 30- spiega Talacchi- che gestisce il paziente che ha una specifica malattia, come il tumore cerebrale o spinale. Il vantaggio è che il paziente non deve rivolgersi ogni volta che ne ha bisogno a un medico, ma è come se avesse a disposizione un reparto che si prende carico di tutti i passaggi necessari, dalla diagnosi alla terapia fino al follow-up. Questo perché il PDTA include un insieme di esperti, facenti capo ad alcuni reparti, collegati tra loro".

Ma qual è il grande vantaggio di un approccio multidisciplinare alla malattia, che il paziente 'perde' meno tempo? "Questo senz'altro- risponde l'esperto- ma soprattutto i medici in un PDTA sanno esattamente quali sono le tempistiche giuste per portare avanti tutte le varie fasi, dalla diagnosi alla terapia, ed è loro la responsabilità di rispettare i tempi più opportuni, non deve pensarci il paziente". Niente più lunghe ricerche e risposte parziali, dunque, perché il paziente nel PDTA viene accompagnato per tutta la durata della malattia, secondo modalità di cura che tengono conto anche dell'ascolto di esigenze individuali. "In città grandi come Roma, il problema è che le persone si 'perdono', si scoraggiano e la malattia spesso viene affrontata troppo tardivamente- sottolinea Talacchi- con la conseguenza di una grandissima perdita in termini di mesi di vita".

Per accedere al PDTA sui tumori cerebrali e spinali del San Giovanni è sufficiente inviare una mail a neurochirurgia@hsangiovanni.roma.it da parte del medico proponente (o del paziente), con una "impegnativa per 'prima visita neurochirurgica' e dopo aver eseguito una Tac che ponga il sospetto di una lesione espansiva cerebrale. Il medico curante deve solo far scattare l'operazione". Rapidi i tempi di risposta: "Entro le 24/48 ore- assicura Talacchi- riusciamo a rispondere e a fissare un appuntamento, a breve, per confermare la diagnosi e avviare l'iter terapeutico". Il centro accoglie pazienti da tutta Italia. Spiega ancora il coordinatore del PDTA: "Abbiamo circa il 10-15% dei pazienti che vengono da fuori regione e questo numero sta crescendo. Nel 2019 abbiamo avuto una crescita dei trattamenti per tumore del 60% rispetto al 2018 ed è questo che ci ha portato ad organizzarci al meglio con il PDTA, proprio perché c'è un numero crescente di pazienti che si rivolgono a noi".

Tornando ai tumori cerebrali e spinali, quante persone ad oggi ne sono colpite? "I tumori cerebrali sono considerati tumori rari, colpiscono circa 10 persone ogni 100mila abitanti. La loro bassa incidenza e il fatto che abbiano un inizio difficile da individuare- fa sapere Talacchi- ne rende complicato il riconoscimento per un medico curante di base, che tra i suoi 1.000 assistiti può essere che ne veda tre o quattro nell'arco di tutta la sua carriera professionale. Per questo è opportuno incoraggiare il paziente a fare un semplice esame, perché già da quello si può trarre il sospetto di una malattia. Purtroppo quello che si nota è spesso una diagnosi tardiva che pregiudica molto la capacità in termini di cura".

Condividi su:



Articoli Correlati