09 giugno 2021

I “gioielli” di De Luca, dopo il Covid la Campania riparte da bellezza e cultura

Due nuove inaugurazioni dal valore immenso e soprattutto simbolico, ovvero quello di una ripartenza dopo il covid dai luoghi simbolo della bellezza e della cultura. Il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha inaugurato la riapertura dell’acquario della Stazione Zoologica Anton Dohrn a Napoli, e il Museo del Parco Nazionale del Vesuvio. “Con la riapertura dell’acquario della Stazione Zoologica Anton Dohrn, questa mattina, ha riaperto al pubblico uno dei simboli dell’eccellenza e della divulgazione scientifica di Napoli e della Campania nel mondo - ha spiegato il governatore campano -. È davvero una data molto importante, anche dal punto di vista simbolico, perché coincide con la Giornata Mondiale degli Oceani, il più grande patrimonio ambientale del Pianeta. Strutture come la Stazione Zoologica, per il prezioso lavoro che portano avanti, sono fondamentali per la tutela di questo straordinario habitat”.

Il Museo del Vesuvio

Inaugurato, a Boscoreale, il Museo del Parco Nazionale del Vesuvio. Insieme al MAV, altro gioiello del territorio, deve essere uno dei punti di forza del rilancio turistico e culturale della nostra regione. Nell’arco di 10 km abbiamo la concentrazione più alta al mondo di beni archeologici. Se tutto quello che abbiamo qui fosse stato in Francia o in Germania avrebbero costruito qualcosa di inimmaginabile tra Pompei, Ercolano, Boscoreale, Torre del Greco, Portici. Un po’ più su, Campi Flegrei, Baia, la città sommersa. Abbiamo cose uniche al mondo che non siamo stati capaci di valorizzare fino in fondo. Lo sviluppo del settore “turismo” non è né semplice, né veloce e prevede che tanti fattori confluiscano sull’ottima riuscita dell’impresa.

"Con l’EAV stiamo lavorando alla realizzazione di una funivia sul #Vesuvio. Altra idea alla quale pensiamo di lavorare è la realizzazione di un parco floreale, altro elemento di attrazione turistica nell’area vesuviana. Stiamo cercando di utilizzare la vecchia rete ferroviaria dismessa per realizzare un grande parco urbano che arriva da #Pompei al mare, può essere una grande pista ciclabile, che può diventare un luogo per eventi sportivi internazionali - ha precisato De Luca -. Stiamo lavorando per la messa a punto di un piano di sicurezza: tra Campi Flegrei e area vesuviana abbiamo un territorio estremamente delicato sotto l’aspetto sismico. Altro obiettivo: la depurazione del mare del Golfo di #Napoli. Il museo che inauguriamo questa mattina non è quindi un intervento isolato; è un pezzo di un grande piano di rilancio culturale, turistico, ambientale, economico di tutta l’area vesuviana”.

Condividi su:



Articoli Correlati