04 gennaio 2019

Prevenire l'Alzheimer attraverso attività fisica e alimentazione

Praticare attività fisica regolarmente e tenere sotto controllo la propria salute vascolare aiuta a prevenire gravi forme di demenza come il morbo di Alzheimer. Lo afferma il Prof. Carlo Ferrarese, Direttore Scientifico del Centro di Neuroscienze di Milano dell’Università di Milano-Bicocca e Direttore della Clinica Neurologica presso l’Ospedale San Gerardo di Monza, sulla base dei più recenti studi clinici e sperimentali.

"Il danno prodotto dall’accumulo di amiloide nel cervello - scrive il Prof. su Insalute è potenziato da un danno dei vasi cerebrali, che a sua volta impedisce il passaggio della proteina dal cervello al sangue, facilitandone l’accumulo cerebrale".

"Studi recenti - spiega Ferrarese - hanno dimostrato che la prevenzione dei noti fattori di rischio vascolare, quali ipertensione, diabete, obesità, fumo, vita sedentaria, è in grado di ridurre l’incidenza di demenza". Da qui l'importanza di condurre stili di vita salubri in termini di attività fisica e alimentazione per eliminare i fattori che favoriscono l'Alzheimer. 

L'attività motoria regolare stimola inoltre la produzione di proteine dette neurotrofine,considerate importantissime per il mantenimento delle funzioni cognitive, le stesse che la demenza compromette gradualmente. In quale misura questi indubbi benefici possano influire realmente sullo sviluppo dell'Alzheimer dovrà però essere chiarito da ulteriori ricerche future.

 


Redazione


Condividi su:



REGISTRATI SU:




SEGUICI SU:



Articoli Correlati