08 giugno 2021

Bullizzata dalle amiche, sucida a 13 anni. La mamma: “Quelle ragazzine non la lasciavano in pace”

Una tragedia immane quella avvenuta a Roma lo scorso giorno dove una ragazzina, di soli 13 anni, si è tolta la vita nella sua cameretta. Dietro ai motivi di un gesto tanto estremo e disperato, secondo gli inquirenti, ci sarebbero motivi legati al bullismo. Infatti, come ha raccontato anche la madre sui social, la ragazzina era finita nel mirino di alcune bulle che non la lasciavano in pace, tanto da spingerla a togliersi la vita. Così, domenica sera la ragazzina ha preso un cavo elettrico, lo ha reciso con un taglierino, e con quello si è impiccata a una mensola, in una piccola palazzina di borgata a Torpignattara, zona est di Roma. Attorno a lei i suoi disegni e le scritte di canzoni inglesi impresse su un quadernone. E a trovarla la mamma, che quando è rientrata, intorno alle 23,45 dopo il lavoro da addetta alle pulizie in un pub vicino a casa, affacciatasi in camera per dare la buonanotte alla figlia ha fatto la drammatica scoperta.

"L’abbiamo sentita urlare come una disperata - ha raccontato al “Messaggero” un vicino corso in suo aiuto - siamo volati in casa, abbiamo provato il tutto e per tutto per salvare Laura. Così i sanitari dell’ambulanza. Ho provato io stesso a rianimarla. Ma non c’è stato niente da fare, perché la bambina era già fredda”. Accanto al corpo, il piatto vuoto della cena. Poi, il racconto più difficile, e che la mamma affida a un messaggio, un grido disperato postato sui social. La disperazione di una madre che non è forse stata capace di capire cosa si nascondeva dietro quegli occhi grandi e sempre coperti da una lunga frangia, che scrutavano il mondo con paura di mostrarsi e, quasi senz’altro, di giudizi sempre più taglienti. “Le sue migliori amiche l’avevano esclusa e bullizzata - racconta la mamma dai social - dopo che aveva discusso con una di loro, per un malinteso, mia figlia era stata isolata. La prendevano in giro, l’avevano messa nel mirino. Per questo ho insistito tanto perché cambiasse sezione a scuola, ma quelle ragazzine non la lasciavano in pace e nei giorni scorsi si erano rifatte sotto”. Su Fb la mamma posta anche la foto di un abbraccio insieme: “Perdona tutto il male ricevuto e che la terra ti sia lieve”.

Condividi su:



SEGUICI SU:



ADS:




Articoli Correlati