25 maggio 2021

Il giorno più nero, l’Oms: “Almeno 115 mila operatori sanitari spazzati via dal Covid”

La pandemia che stiamo vivendo troppo spesso si traduce in numeri, quelli che siamo abituati a vedere ogni giorno da oltre un anno: nuovi contagi, deceduti e guariti. Ma questa volta i numeri sono davvero allarmanti perché riguardano 115mila vite spezzate, quelle degli operatori sanitari che hanno fatto il possibile per combattere il virus, ma che hanno perso la partita. A livello mondiale, ha spiegato l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono almeno 115mila gli operatori sanitari che hanno perso la vita a causa del virus. “Almeno 115.000 operatori sanitari sono stati spazzati via dal Covid-19 dall'inizio della pandemia – lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) -per almeno 18 mesi, gli operatori sanitari di tutto il mondo sono rimasti tra la vita e la morte", ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus in apertura della riunione annuale dell'Oms. "Molti si sono contagiati e stimiamo che siano questi i numeri relativi agli operatori sanitari e assistenziali che hanno pagato il prezzo più alto al servizio degli altri", ha aggiunto.

A livello nazionale, invece, si evince sul sito della Fnomceo – a lutto da oltre un anno – sono 359 i medici e gli infermieri scomparsi a causa del Covid-19. “A partire da marzo 2020 riportiamo qui i nomi degli operatori scomparsi, sul Portale FNOMCeO, che resterà listato a lutto in loro memoria, in un triste elenco che viene via via aggiornato. In allegato, i dati sui contagi. Un monito, una lezione per tutti”.

Condividi su:



Articoli Correlati