18 maggio 2021

Coprifuoco, a partire da domani prolungato di un'ora: verso l'abolizione definitiva da fine giugno

È atteso per la settimana in corso la valutazione del governo, chiamato ad esprimersi sull’abolizione del coprifuoco. L’accordo, da quanto fatto trapelare da fonti ministeriali,  sembra già raggiunto e prevederebbe lo slittamento dell’obbligo di rientro alle 23, a partire da oggi, e l’eliminazione totale di questa misura entro la fine di giugno. Il governo si mostra, quindi,  pronto ad allentare le restrizioni e a dare maggior libertà di movimento ai propri cittadini. La decisione sembra anche supportata dai dati dei contagi, in calo, e dalla diminuzione delle vittime causa covid-19.

Come tutte le misure prese finora in contrasto al covid, anche quella sul coprifuoco risulta divisiva.  Da un lato c’è chi pensa che tale scelta sia affrettata e che possa condurre ad un violento ritorno della malattia nei mesi autunnali ,come successo lo scorso anno, dall’altro c’è chi spinge affinchè il coprifuoco venga abolito il prima possibile. Leader degli “aperturisti” è il segretario della Lega Matteo Salvini, il quale ha commentato, sul proprio profilo Facebook, i rumors sul nuovo decreto legge con un hashtag  #nocoprifuoco.  Lo stesso ha poi rilanciato attaccando il governo, di cui il suo partito fa parte, sulla questione dei ristoratori che dispongono solo di coperti al chiuso.  Anche riguardo questo argomento trapelano,però, novità.  Il nuovo decreto dovrebbe prevedere, a partire dal primo giugno, la riapertura di queste attività e permetterà il consumo al bancone dalle 5 alle 18. Di certo la scelta di una riapertura graduale, fino a questo momento, sta portando i suoi frutti. Si spera, però, che il tarlo della fretta non conduca a prendere decisioni sbagliate.

(Gianmarco Ruocco - Rcs Salute)

Condividi su:



Articoli Correlati