28 aprile 2021

Ue contro Astrazeneca, avviata massiccia azione legale contro il colosso del farmaco

Lo scorso 23 aprile l’UE ha avviato un’azione legale ai danni dell’azienda farmaceutica Astrazeneca. “l’azienda Astrazeneca non è stato in grado di presentare una strategia affidabile per assicurare la consegna puntuale delle dosi” ha dichiarato il portavoce per la salute della commissione europea, Stefan de Keersmaeker, motivando l'azione contro il colosso del farmaco. Alla base dei dissidi ci sarebbero i forti ritardi nella consegna dei vaccini accomulati dalla società anglo\svedese.

Dagli accordi siglati, secondo quanto riporta IlSole24Ore, l’azienda farmaceutica avrebbe dovuto garantire un approvvigionamento di scorte vaccinali pari a 300 milioni di dosi entro giugno. Le dosi arrivate, però, ammontano solo a 30 milioni con annesse garanzie di riceverne altre 70 milioni entro l’inizio dell’estate. Questo ammanco di 200 milioni è stato considerato inaccettabile da parte della governance europea, che in accordo con i rappresentanti degli stati membri, ha deciso di prendere provvedimenti. La risposta dell’azienda farmaceutica è arrivata tramite un comunicato stampa. in esso si afferma che “nonostante i problemi riscontrati nella produzione dei vaccini,  Astrazeneca ha rispettato gli accordi siglati lo scorso agosto con l’UE”.

Nella stessa nota si legge che Astrazeneca si difenderà fermamente in tribunale. All’interno del contratto, pubblicato solo parzialmente, si legge che la società farmaceutica si impegna a garantire la fornitura di dosi al massimo delle proprie possibilità. Questo cavillo, unito alla mancanza di date designate per la consegna, potrebbe facilitare la linea difensiva in sede giudiziarie.

(Gianmarco Ruocco - Rcs Salute)

Condividi su:



Articoli Correlati