15 aprile 2021

Salute. L'acqua radioattiva di Fukushima finirà in mare: scontro con la Cina

Il governo giapponese ha intenzione di versare l'acqua usata per lo spegnimento dei reattori nucleari. Queste acque risultano contaminate e la loro natura ha allertato le nazioni vicine come la Corea del Sud e la Cina, mentre gli Stati Uniti sono favorevoli sulle basi di studi che comparerebbero l'impatto delle acque a una goccia di petrolio nell'oceano,  per cui il carico radiologico non è alto, per lo più la questione è dovuta al trizio, un isotopo dell'idrogeno con tossicità debole, presente anche nei mari, ma in minime quantità.

È stato quantificato un milione e 370.000  tonnellate di acqua per raffreddare i 3 reattori nucleari della centrale di Fukushima dopo il disastro del 2011 e l'acqua contaminata ha riempito più di mille cisterne occupando una vasta aria di territorio. Intanto l'acqua a Fukushima continua ad accumularsi al ritmo di 200 tonnellate al giorno divenendo un problema gestionale che crea polemiche, dove c'è una nazione come Il Giappone che è in sofferenza mentre invece i paesi vicini sono in allarme ambientale come Cina e Corea , coadiuvate dalle maggiori associazioni ambientaliste come Greenpeace che ritiene alla luce di altre ricerche che il tempo previsto per rendere innocuo il trizio sia di 17 anni.          

(Pietro Nicosia - Rcs Salute)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

Condividi su:



Articoli Correlati