26 dicembre 2018

Anelli (Fnomceo): Inserire circoncisione nei Lea. Stop a discriminazioni

Inserire la circoncisione nei Lea (Livelli essenziali di assistenza) per tutelare al meglio la salute dei pazienti senza discriminazioni. Il Presidente della Fnomceo Filippo Anelli si unisce all'appello del Prof. Foad Aodi, presidente dell'Associazione Medici di Origine Straniera in Italia, e dell'Ordine dei Medici di Roma. "La circoncisione non è nei Lea, per questo viene eseguita fuori dai presidi sanitari. Una discriminazione che non trova ragione, perché basata su distinzioni religiose", ha affermato Anelli.

L'appello è stato lanciato in seguito alla morte di un bambino nigeriano di due anni che era stato sottoposto, insieme al suo gemello, a circoncisione rituale in un appartamento a Monterotondo. Il sedicente medico che ha eseguito l'operazione, un cittadino statunitense originario della Libia, è stato arrestato con l'accusa di omicidio preterintenzionale.

"Ci rivolgiamo al Ministro della Salute Giulia Grillo perché metta in atto ogni strumento per evitare le discriminazioni su base religiosa", ha concluso il presidente Anelli.

 

Luigi Esposito

condividi su:



SEGUICI SU:



REGISTRATI SU:



Articoli Correlati