09 aprile 2021

Un fegato salva due vite, quella di Gianluca e Federico: trapianto "domino" effettuato al Policlinico di Milano

Trapianto domino su un giovane di 27 anni al Policlinico di Milano. Questa è la storia di Gianluca, una ragazzo apparentemente sano, ma con una grave disfunzione del fegato, che lo ha costretto a subire un cosiddetto trapianto domino: una volta trovato un donatore per Gianluca, basta trovare un altro paziente a cui donare il suo organo, e salvare così due vite con un solo fegato. Ed è proprio quello che è accaduto al Policlinico di Milano, dove Gianluca e Federico (nomi di fantasia) hanno subito il trapianto, con successo. Adesso entrambi possono iniziare una nuova vita.

La malattia da cui era affetto Gianluca si chiama leucinosi: consiste nella completa mancanza di un enzima fondamentale per metabolizzare gli aminoacidi assunti col cibo. Senza questo enzima, che è prodotto dal fegato, ma anche in tutto il resto dell’organismo, il ragazzo era costretto a diete strettissime ed è costantemente esposto a complicanze gravi, come compromissioni neurologiche e respiratorie.

Il ragazzo era in lista per il trapianto – racconta alla stampa Giorgio Rossi, direttore di Chirurgia generale e trapianti di fegato del Policlinico di Milano e professore di Chirurgia all’Università degli Studi di Milano –, ma questo significava dover attendere che una persona sana morisse e diventasse donatore. Gianluca aveva capito che anche lui poteva fare la sua parte, e da subito aveva manifestato con forza la volontà di diventare a sua volta un donatore e salvare la vita a qualcuno. Una disponibilità ancora più importante, dato che il suo gruppo sanguigno B è raro, e di donatori come lui non ce ne sono tanti”.

Il 17 marzo viene individuato un fegato compatibile e la macchina del Policlinico si mette in moto: alle 6 del mattino si aprono le sale operatorie per fare tre interventi uno di seguito all’altro: prelevare il fegato da Gianluca, trapiantare il fegato nuovo e, allo stesso tempo, trapiantare il fegato di Gianluca in Federico, un altro paziente in lista d’attesa per un organo. Un solo fegato donato che salva così due vite.

Fonte: Nurse Times 

Condividi su:



Articoli Correlati