18 marzo 2021

Giornata nazionale delle vittime Covid, Mario Draghi a Bergamo nella città simbolo della pandemia

La città di Bergamo si appresta ad accogliere il presidente del Consiglio Mario Draghi che ha scelto la città simbolo della pandemia per celebrare la prima giornata nazionale delle vittime del Covid. La data scelta per il ricordo è quella in cui, un anno fa, una colonna di camion militari trasportavano via da Bergamo le vittime del Covid.

L’itinerario della giornata nazionale prevede che alle 11 il premier sarà al cimitero monumentale per deporre una corona di fiori davanti alla stele alle vittime su cui e' incisa una poesia di Ernesto Olivero e dove anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha posto una corona di fiori lo scorso 28 giugno.

Poi si spostera' al parco della Trucca per l'inaugurazione del bosco della memoria, dove piantera' un Tiglio donato dal Comune di Buccari, nel Siracusano. Davanti al giovane albero e' stata gia' sistemata la vanga mentre e' in allestimento il palco da cui il premier parlera' davanti a un ristrettissimo numero di persone, nel rispetto delle norme anti Covid.

Fra di loro il sindaco Giorgio Gori, il vescovo Francesco Beschi, il presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli, il prefetto Enrico Ricci, il direttore generale dell'Ats Bergamo Maurizio Giupponi, la direttrice dell'ospedale Giovanni XXIII, un'infermiera e un medico di base. Il progetto del bosco, con 750 alberi e piante ad organizzare una serie di isole verdi e aree attrezzate nasce da un'idea dell'associazione dei Comuni virtuosi finanziata dal Comune di Bergamo e dal crowdfunding che da solo ha raccolto finora 110 mila euro. Fra le donazioni anche quelle di Francesco Guccini, dei Nomadi e della Foppapedretti, che ha stanziato 20 mila euro.

Condividi su:



Articoli Correlati