17 marzo 2021

Separati dal Covid, si rincontrano in ospedale: gli infermieri li avvicinano e si stringono la mano

Una storia simile ad altre ma estremamente profonda. Quando oltre al virus si aggiunge la paura di perdere la persona amata, il dolore è feroce. Questa è la storia di due anziani di Roma, che si sono potuti stringere – ancora una volta – la mando. Lei, Rosina, ha 84 anni, è di Avellino, ma risiede a Roma da anni, si è presa il Covid in una forma grave. Ricoverata al San Filippo Neri, è stata intubata nel reparto di terapia intensiva. Lui, Giuseppe, 82 anni, di Cassino, è risultato positivo al covid, ma in forma più leggera: è finito in subintensiva nello stesso ospedale. I due, lontani, soprattutto lui che stava meglio, si consumavano dalla nostalgia e dal desiderio di stringere la mano alla moglie anche solo per un momento. Ma lei stava male, non poteva essere spostata. Finché è migliorata e allora infermieri e medici hanno deciso di farli incontrare: trascinando i letti li hanno avvicinati nel reparto di terapia subintensiva, dove si sono potuti toccare di nuovo.

Condividi su:



Articoli Correlati