05 marzo 2021

Nuovo commissario per l'emergenza, annunciate assunzioni per 12mila infermieri e 3mila medici

L’obiettivo del Governo Draghi, ormai sembrerebbe essere chiaro: uniformare tempi e numeri delle somministrazioni del vaccino contro il coronavirus nelle varie regioni d’Italia, accelerando la vaccinazione di massa. Per farlo, il Commissario per l’Emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, subentrato al posto di Domenico Arcuri, convertirà i drive through della Difesa in centri di inoculazione. Si disporrà della gran parte dei 300mila volontari della Protezione civile e dei 1.700 militari coordinati dal Comando Operativo Interforze impegnati ogni giorno per le operazioni di trasporto, distribuzione e somministrazione, fa sapere Il Messaggero.

Sono pronti ad essere allestite in tempi record anche delle tendostrutture, così come successo per gli ospedali da campo realizzati in varie città durante la prima ondata del virus. Per quanto riguarda il personale, dall’avviso pubblico precedentemente istituto dall’ex Commissario, Domenico Arcuri, potrebbe arrivare l’assunzione a tempo determinato di 3.000 medici e 12.000 infermieri e assistenti sanitari, che sarebbero di supporto al personale già in campo tra ospedali e medici di base. Intanto, la Difesa ha schierato 470 medici e 798 infermieri, operatori sanitari sul fronte dell’Emergenza.

La sperimentazione per la somministrazione del vaccino ai civili nei drive through è partita a Milano, dove le persone con difficoltà motorie aspettano a bordo delle auto il proprio turno, e adesso potrà a breve essere estesa in tutta Italia. Sono 106 medici e 254 infermieri dell’Esercito i professionisti che sarano insieme a volontari specializzati e altri inoculatori nei possibili hub vaccinali dei militari in tutta Italia.

Condividi su:



Articoli Correlati