19 gennaio 2021

Germania, infermieri rifiutano vaccino Covid: in sette licenziati

La Germania ha utilizzato una linea (forse troppo dura) nei confronti di sette infermieri che hanno deciso, almeno per il momento, di astenersi dal vaccino. Così, la struttura sanitaria in cui lavoravano – a Dessau, città nel land della Sassonia-Anhalt – dopo un ultimatum ha inviato una email in cui veniva comunicata l’interruzione del rapporto di lavoro. Ma ora i dipendenti stanno pensando di fare ricorso. A riportare la notizia è l'emittente radiofonica locale MDR, che ha intervistato alcuni degli operatori sanitari coinvolti dal licenziamento. "Ci è stato dato un ultimatum di tre giorni ed erano le 12:00. Poco dopo le 12:00, abbiamo ricevuto l'avviso di licenziamento", ha spiegato uno degli infermieri, che precisa: "Non rifiuto il vaccino, volevo solo un po’ di tempo per riflettere ". "Ho chiesto solo di sottopormi al trattamento più avanti" ha riferito un altro dei licenziati.

Rene Willmer della direzione del servizio infermieristico non riesce a capire l'esitazione dei suoi ormai ex dipendenti. Adesso lui e i restanti 24 colleghi sono stati vaccinati. Perché dal 1° marzo non vogliono più avere personale non vaccinato che si prende cura dei loro pazienti. "Penso che tutti coloro che lavorano nell'assistenza infermieristica dovrebbero avere abbastanza buon senso da sapere che il vaccino è  importante e che deve essere fatto", ha detto a MDR. Alcune delle persone licenziate stanno valutando la possibilità di intraprendere un'azione legale contro il loro licenziamento. Johannes A. Menke, avvocato specializzato in diritto del lavoro di Halle, ha dichiarato a MDR: "Secondo me, i datori di lavoro non possono richiederlo. Si usa una leggera pressione per dire: ‘Vogliamo evitare licenziamenti personali, quindi lasciati andare e vaccinati'. Ma in tribunale una simile interruzione del rapporto di lavoro starebbe su piedi estremamente traballanti”.

Condividi su:



Articoli Correlati