20 novembre 2020

Apnee notturne, chi ne soffre ha più possibilità di sviluppare malattia autoimmuni

Chi soffre di apnee notturne ha maggiori possibilità di sviluppare malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide o l’artrosi. Lo rivela uno studio guidato da Bradley Phillips, dell’Università della Georgia, i cui risultati potrebbero essere utili per la scelta delle cure farmacologiche da impiegare in futuro.

L’apnea notturna è un disturbo che si verifica quando i muscoli della gola si rilassano temporaneamente, collassando nelle vie aeree e causando momenti intermittenti di soffocamento nel sonno. I pazienti che ne sono affetti producono più citochina, che abbasserebbe il sistema immunitario, provocando un rischio più alto di malattie.

La relazione tra apnea notturna e altre malattie è difficile da studiare. Negli adulti le apnee si manifestano di solito nella mezza età e aumentano con l’invecchiamento – spiega Phillips –. Con l’avanzare dell’età è facile andare incontro a malattie, ma è difficile capire se esse siano causate dall’apnea oppure siano indipendenti. Se l’apnea è causa di malattie, la situazione va attentamente valutata e trattata insieme alle altre condizioni”.

Fonte: Nurse Time 

Condividi su:



SEGUICI SU:



ADS:




Articoli Correlati