13 novembre 2020

"La stanza degli abbracci": in una casa di riposo italiana, dopo sei mesi, torna il sorriso

È uno degli argomenti che abbiamo sentito diverse volte in questi mesi di emergenza sanitaria che ha scombussolato il mondo: gli anziani, nelle case di riposo, spesso restano soli. Isolati dalle proprie famiglie e dagli affetti di sempre perché, per prevenire il contagio, i responsabili delle strutture evitano il contatto esterno.

Ma non è il caso di una casa di riposo in provincia di Treviso dove, attraverso l'uso di materiali plastici morbidi, lo staff della  "Domenico Sartor" di Castelfranco Veneto, ha reso possibile un 'contatto' tra i visitatori esterni e gli ospiti della struttura, in isolamento da circa sei mesi a causa dell'epidemia di Covid-19. Molti anziani non ricevevano un abbraccio dal marzo scorso, quando in Italia è scattato il primo lockdown nazionale.

(Daniele Gentile – Rcs Salute)

Condividi su:



Articoli Correlati