27 novembre 2018

Alimentazione. L'olio extravergine di oliva diventa un farmaco negli Usa

Da alimento principe della dieta mediterranea, l’olio extravergine di oliva diventa addirittura un farmaco consigliato dai medici per prevenire l'infarto e le altre malattie del cuore. Succede negli Stati Uniti. A diffondere la notizia in Italia ci ha pensato la Coldiretti, la maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell'agricoltura italiana. La Coldiretti associa 1,6 milioni di agricoltori e ha la maggioranza assoluta delle imprese che operano nell'agricoltura italiana, con circa il 70% degli iscritti alle camere di commercio.

L’Associazione di agricoltori fa riferimento all'invito pubblicato dalla Food and Drugs Administration (Fda) statunitense ad indicare sulle confezioni degli oli contenenti almeno il 70% di acido oleico che il loro consumo porta benefici cardiovascolari quando sostituisce il grasso saturo dannoso per il cuore. In particolare - sottolinea la Coldiretti - l'agenzia per la salute alimentare degli Stati Uniti suggerisce di scrivere sulle bottiglie che il consumo di circa mezzo cucchiaio di olio senza aumentare le calorie complessive assunte quotidianamente, garantisce un importante effetto di prevenzione per la salute.

La decisione della Fda rappresenta - rileva Coldiretti - una risposta ai bollini allarmistici e alle tasse ingiustificate sostenute da alcuni Paesi con una risoluzione che esorta gli Stati Membri dell'Onu ad adottare sistemi di etichettatura ingannevoli e politiche fiscali punitive per i cibi considerati pericolosi per la salute perché ricchi di grassi, zuccheri o sale, da discutere all'Assemblea Generale a New York entro l'anno. Un marchio infamante che favorisce i prodotti artificiali e - precisa la Coldiretti - colpisce già oggi ingiustamente le confezioni di extravergine Made in Italy vendute dalla Gran Bretagna al Cile, dove vengono apposti semafori rossi o bollini neri per disincentivare il consumo del prodotto base della dieta mediterranea, considerato da sempre un elisir di lunga vita.

condividi su:



SEGUICI SU:



REGISTRATI SU:



Articoli Correlati