05 agosto 2020

Operata a 14 anni al cervello da sveglia: la mamma le è stata vicina per tutto il tempo

Un intervento al cervello "awake", da sveglia, su una 14anne affiancata dalla madre in sala operatoria per un supporto psicologico, durante l'asportazione di un'area interessata da una lesione all'origine di crisi epilettiche. E' un'operazione raramente usata in ambito pediatrico, una delle prime in Italia, quella eseguita oggi - durata in tutto circa 5 ore - con esito positivo, nel blocco operatorio dell'ospedale "Salesi-Ospedali Riuniti di Ancona".

In campo un'equipe multidisciplinare (neurochirurgica, anestesiologica, neuroradiologica, neurologica, neurofisiologica, psicologica) che, in parte, ha lavorato in fase preoperatoria per preparare mamma e figlia ad affrontare la procedura e, in parte, in fase intraoperatoria col supporto di tecnologie avanzate per definire l'area del cervello in questione e sorvegliare le funzioni neurologiche della giovane durante la resezione della lesione epilettogena. La chirurgia da svegli consente di individuare meglio l'area da asportare e minimizzare i rischi di complicazioni funzionali. In altri casi, sempre di interventi “awake”, addirittura ai pazienti è stato concesso di preparare olive all’ascolana, suonare strumenti musicali e svolgere operazioni in grado di mantenere attivo il cervello senza alcun tipo di rischio per il paziente.

Fonte: ANSA

Condividi su:



Articoli Correlati