06 novembre 2018

Super batteri killer: oltre 10.000 morti in Italia dal 2015

Ogni anno 33mila persone muoiono nell'Unione Europea per infezioni da batteri resistenti agli antibiotici, e il nostro paese risulta essere di gran lunga il più colpito: un terzo dei decessi avviene infatti in Italia. A rischio soprattutto i bambini di meno di un anno di età e gli anziani over 65, i più vulnerabili a questo tipo di patologie.

I dati provengono da uno studio del Centro Europeo per il Controllo delle Malattie (Ecdc) pubblicato sulla rivista Lancet Infectious Diseases. Gli autori della ricerca sottolineano come la cifra sia pari alla somma dei morti per Hiv, tubercolosi e influenza.

Lo studio è stato condotto sui dati del 2015 ottenuti dal network di sorveglianza dell'Ecdc e relativi a cinque infezioni resistenti. Nel 75% dei casi, sottolinea lo studio, le infezioni sono dovute a cure mediche, mentre il 39% delle infezioni è causato da batteri resistenti anche all'ultima generazione di farmaci, i carbapenemi, e alla colistina, uno degli antibiotici maggiormente impiegati in mancanza di altre soluzioni terapeutiche. 

Dal 2007, le cifre sono aumentate di circa quattro volte. Nel 2015, sono state registrate quasi 679mila infezioni nell'Unione Europea e nello Spazio economico europeo, di cui oltre 201mila in Italia, in cui sono avvenuti ben 10.762 decessi per cause legate alle infezioni batteriche.


Redazione


Condividi su:



REGISTRATI SU:




SEGUICI SU:



Articoli Correlati