02 novembre 2018

Anaao Assomed: Per la sanità solo briciole. I medici bocciano Legge di Bilancio

“Nessun finanziamento per le assunzioni, nessun finanziamento per il vecchio contratto che attende da 10 anni, e per il nuovo contratto della sanità ben 53 euro di incremento a regime nel 2021, al di sotto anche degli 85 euro del precedente triennio che avevamo definito una elemosina”. E’ una bocciatura in piena regola e su tutti i fronti quella che arriva alla legge di bilancio 2019 da parte dell’Anaao-Assomed, il maggior sindacato dei medici dipendenti del Servizio sanitario nazionale.

Una Legge di bilancio “che riserva solo briciole alla sanita'', dicono i medici. Anche sul versante previdenziale la stroncatura è netta: “Per la previdenza tanti paletti, alias ulteriori divieti, per medici e dirigenti sanitari. Ostacoli che mirano a bloccare l’uscita a quota 100 da parte di tanti medici che avevano intravisto come una via di fuga da un sistema da cui è stata espulsa ogni forma di gratificazione professionale ed economica per lasciare posto alla usura ed al rischio della attività lavorativa”.

Anche i provvedimenti per abbattere le liste d’attesa sono contestati: “I 50 milioni per le liste di attesa - sottolinea il sindacato - per un triennio sono una miseria una cifra uguale a quella che i medici da anni, ed ogni anno, mettono a disposizione con la loro attività privata, senza contare i 250 milioni che regalano annualmente alle aziende sanitarie che potrebbero ben utilizzarli per questo scopo”.

“Per quanto riguarda la formazione specialistica - conclude l'Anaao Assomed - 800 contratti in più all'anno sono un incremento assolutamente insufficiente a garantire la sostituzione dei professionisti che andranno in pensione nei prossimi anni”. Anaao-Assomed conferma pertanto lo sciopero nazionale dei medici, veterinari e dirigenti sanitari, strutturati precari, previsto il 23 novembre e se necessario, con un'altra giornata a dicembre: “La sanità pubblica chiuderà un giorno per non chiudere per sempre”.

Condividi su:



SEGUICI SU:



REGISTRATI SU:



Articoli Correlati