13 febbraio 2020

Tumori, arriva la svolta: intesa tra Inps e Gemelli, le certificazioni saranno più semplici e veloci

Agevolare i pazienti con patologie neoplastiche e i genitori di bambini disabili nell'iter sanitario per il riconoscimento delle prestazioni assistenziali di invalidità e di handicap alle quali hanno diritto. È questo l'obiettivo dell'accordo firmato ieri a Roma, nella Giornata mondiale del malato, tra l'Istituto nazionale della previdenza sociale (Inps) e la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs per la tutela dei minori e dei soggetti con patologie oncologiche ricoverati e in cura presso il Gemelli.

L'accordo - firmato dai vertici dell'Inps (Pasquale Tridico, presidente Inps, e Gabriella Di Michele, direttore generale Inps) e dai vertici del Gemelli (Giovanni Raimondi, presidente Fondazione Policlinico Gemelli Irccs, Marco Elefanti, direttore generale Fondazione Policlinico Universitario Gemelli Irccs) - consente ai medici del Policlinico Gemelli che hanno in cura pazienti oncologici e minori di rilasciare loro il certificato specialistico oncologico introduttivo e il certificato specialistico pediatrico introduttivo (con cui si attestano quali sono le infermità invalidanti del cittadino che vuole presentare domanda di invalidità civile), dialogando direttamente con l'Inps.

Saranno così gli stessi medici del Gemelli, specialista in oncologia e pediatra, ad avviare le pratiche di invalidità evitando al malato, adulto e pediatrico, eventuali ulteriori esami e accertamenti.

"La convenzione - spiegano dal Gemelli - è riferita alle domande di prestazioni Inps in materia socio-assistenziale tese ad assicurare anche alle fasce più deboli di utenti i relativi servizi presso il Policlinico Gemelli, con l'auspicio che tale modello di collaborazione possa essere esteso ad altre istituzioni".

Altro vantaggio per i pazienti nato da questa convenzione Inps-Gemelli riguarda la possibilità di essere sottoposti alla visita di accertamento della Commissione medico legale Inps presso il Policlinico Gemelli stesso, i cui esiti avranno efficacia immediata per il riconoscimento delle prestazioni e dei benefici assistenziali richiesti derivanti dalla patologia.

"Così, dopo la redazione del certificato specialistico pediatrico o oncologico da parte dei medici 'certificatori' del Gemelli e la successiva presentazione della domanda amministrativa all'Inps per la richiesta di prestazione e del beneficio assistenziale - conclude la nota - la Commissione medica Inps competente si recherà presso il reparto di degenza del Policlinico Gemelli per effettuare la visita medica domiciliare entro 15 giorni dall'invio della domanda amministrativa".

Grande soddisfazione esternata anche da Giovanni Raimondi, presidente della Fondazione Policlinico Universitario Gemelli Irccs di Roma, nel suo intervento oggi alla firma dell’accordo con l’Inps: "La convenzione con l’Inps, che consente di semplificare le pratiche per il riconoscimento delle prestazioni assistenziali di invalidità e disabilità alle quali hanno diritto i pazienti pediatrici e i pazienti affetti da patologia oncologica, è un fatto concreto che dimostra la nostra vicinanza ai malati, in un momento di fragilità personale e familiare che spesso rende difficile affrontare i percorsi amministrativi associati a questa tipologia di richieste".


Redazione


Condividi su:



REGISTRATI SU:




SEGUICI SU:



TAG:



Articoli Correlati