02 novembre 2018

Nutrizione. Essere in sovrappeso o sottopeso ruba fino a 4 anni di vita

Essere in sovrappeso o sottopeso potrebbe costarci fino a 4 anni di vita, suggerisce uno studio che appare su 'Lancet Diabetes and Endocrinology'. Un'analisi fra le più estese del suo genere, che ha coinvolto quasi 2 milioni di persone visitate da medici nel Regno Unito.

I ricercatori hanno scoperto che, a partire dall'età di 40 anni, le persone che si piazzano all'estremità superiore della scala dell'indice di massa corporea (Bmi) normale hanno il più basso rischio di morire. Mentre le persone che si classificano nella parte estrema superiore o inferiore del Bmi rischiavano di avere vite più brevi.

Il Bmi, ricordano gli autori dell'Università di Exeter, viene calcolato dividendo il peso di un adulto per il quadrato della sua altezza. Un punteggio 'sano' va da 18,5 a 25. La maggior parte dei medici è convinta che misurare il Bmi sia il metodo migliore per capire se un paziente è obeso, perché è un metodo preciso e semplice, ricorda la Bbc online.

Prendendo in considerazione questo indicatore, lo studio ha mostrato che l'aspettativa di vita di uomini e donne obesi è rispettivamente inferiore di 4,2 e 3,5 anni rispetto a quella delle persone che si trovano nella 'casella' Bmi normale. La differenza per uomini e donne sottopeso è invece di 4,3 anni (uomini) e 4,5 anni (donne). Un Bmi 'sballato' è stato associato a tutte le cause di morte, ad eccezione degli incidenti legati al trasporto: dal cancro, alle malattie cardiovascolari, alle malattie respiratorie.

condividi su:



SEGUICI SU:



Articoli Correlati