07 febbraio 2020

L’UE cova una nuova stangata per i fumatori, periodo sperimentale prima della maxi tassa

Prevenzione del cancro, diagnosi precoce, nuove terapie e qualità della vita dei pazienti: sono i quattro assi su cui si svilupperà l'azione della Commissione Europea durante la consultazione pubblica che durerà oltre un mese.

A Bruxelles ci saranno specialisti, analisti e patologici con l’obiettivo di svolgere un’accurata analisi sui rischi legati al consumo di alcol e fumo, nei luoghi pubblici e calati nel contesto della qualità della vita. In sostanza, la “diagnosi” dell’Unione Europea servirà a decidere quando e quanto tassare – nuovamente – alcol e fumo: le due sostanze tossiche più consumate in Italia.

A gennaio 2020 c’è già stata una nuova tassazione per quanto riguarda il tabacco, ma entro dicembre potrebbe arrivare addirittura una nuova imposta sui tabacchi lavorati e sull’alcol che potrebbe far slittare il costo di questi prodotto come in altri paesi Ue, come Svizzera e Gran Bretagna.  

Esaminare "il ruolo della tassazione per tabacco e alcol" e "ridurre l'esposizione alle sostanze cancerogene nei posti di lavoro e nell'ambiente" per la prevenzione dei tumori, insieme a diagnosi precoce, nuove terapie e qualità della vita dei pazienti - sono i quattro assi su cui si svilupperà l'azione della Commissione Ue nella lotta contro i tumori -, presentata oggi nella conferenza "Europès beating cancer" che ha gremito l'emiciclo dell'Europarlamento.

Infatti, oggi l'Esecutivo Ue ha lanciato due consultazioni pubbliche "per formare il nostro piano di azione", ha spiegato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen. La prima consultazione sarà aperta a tutti e durerà 12 settimane. La seconda durerà 4 settimane e sarà incentrata su ambito e scopi del piano di azione, che sarà presentato a fine 2020. "Vogliamo ascoltare tutti coloro che hanno una storia da raccontare, i medici e i pazienti, gli scienziati e la società civile - ha detto von der Leyen - ci sono battaglie che non possiamo vincere, ma insieme possiamo fare la differenza".

Condividi su:



Articoli Correlati