06 dicembre 2019

Moglie malata di Sla: commercialista ipoteca casa e dona fondi alla ricerca

È stato il gesto d’amore di un commercialista di Benevento a permettere al Centro esperto Sla dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara di dare il via a un progetto innovativo di ricerca a livello internazionale.

L’uomo, infatti, ha deciso di ipotecare la propria casa e donare 150 mila euro al Centro diretto dalla dottoressa Letizia Mazzini, in cui anche la moglie malata di Sla era stata ricoverata: “Senza l'aiuto della Fondazione e di questa persona non avremmo potuto dare il via al progetto”.

La dottoressa Letizia Mazzini

A rivelarlo è stata la Fondazione Bpn nel corso di un incontro. Il progetto, a cui aderisce anche il Massachussetts General Hospital dell’Università di Harvard, è finanziato con un milione di dollari da un’associazione statunitense, ma necessitava di un finanziamento a parte per il Centro Sla di Novara.

La prima fase si è conclusa positivamente: la biomolecola RNS60 non crea alcun problema ‒ ha spiegato Mazzini‒. La seconda, sulla sua efficacia, è in fase di completamento e nei prossimi mesi potremo esprimerci su dati precisi. Al momento possiamo solo dire che i pazienti cui è stata somministrata sono più che soddisfatti". 

Fonte: ANSA

Condividi su:



Articoli Correlati