15 novembre 2019

Orrore nel cremonese: blatte nelle cisterne da latte

Lasciavano morire le proprie vacche da latte malate tra escrementi e vermi per poi seppellirle in fosse comuni. È stata la denuncia della Lav, Lega antivivisezione, con tanto di video girati dagli investigatori, a far scattare il blitz dei Carabinieri Forestali di Brescia presso l’allevamento di Robecco d’Oglio.

Un’ispezione che ha lasciato gli uomini dell’arma sbigottiti per le tremende condizioni in cui versavano gli animali: cuccioli agonizzanti o morti, cadaveri di bovini ormai in putrefazione lasciati in mezzo a quelli vivi, recinti sporchi e cisterne di latte invase dalle blatte.

Oltre 400 vacche da latte in condizioni igienico sanitarie disastrose poste sotto sequestro dai Carabinieri e affidate al Sindaco, mentre i proprietari dell’allevamento sono stati denunciati con l’ipotesi di reato di maltrattamento e abbandono di animali.

Chiediamo al neo Ministro della Salute Roberto Speranza l’urgente convocazione di una Conferenza Stato-Regioni per esaminare la situazione degli allevamenti regione per regione, un piano straordinario di controlli, e la previsione di meccanismi di trasparenza sui controlli effettuati dai servizi veterinari delle ASL a titolo di rendicontazione annuale, con una puntuale e periodica comunicazione al pubblico dei risultati di indagine, al fine di mostrare le attività di tutela del benessere e della salute pubblica dei cittadini, rafforzando quindi lo strumento del Piano nazionale benessere animale del Suo Ministero, oggi non più al passo con le esigenze dei cittadini e consumatori”, ha dichiarato Roberto Bennati, Vicepresidente Lav.

 

Fonte: GreenMe.it


Redazione


Condividi su:



REGISTRATI SU:




SEGUICI SU:



Articoli Correlati