08 novembre 2019

Ocse richiama l'Italia: "Prescrizione eccessiva di antobiotici"

L’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) richiama l’Italia: “prescrizione eccessiva di antibiotici”, bisogna assolutamente ridurla.

Secondo il rapporto “Health at a glance” diffuso l’8 novembre, l’Italia è al secondo posto tra i paesi Ocse per numero di prescrizioni di antibiotici attraverso i servizi territoriali e contribuisce così a far elevare i tassi di resistenza antimicrobica.

Inoltre, la nostra nazione è quarta per aspettativa di vita, 83 anni alla nascita e l’Organizzazione chiede di “preparare il sistema sanitario per una popolazione in rapido invecchiamento”, un allarme che si fa ancora più perentorio se si pensa al problema della carenza medici.

Bravi gli italiani per lo stile di vita sano, meno per l’obesità infantile (la seconda percentuale più alta nei paesi Ocse) e per il tasso di fumatori (un adulto su cinque fuma giornalmente).

Fonte: ANSA

Condividi su:



SEGUICI SU:



REGISTRATI SU:



Articoli Correlati