07 ottobre 2019

Lampedusa. Foad Aodi (Amsi): "Basta morti in mare. Coinvolgere Comunità Europea"

Comunicato Stampa Amsi

 

L'associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e il Movimento Uniti per Unire lanciano il loro grido di sofferenza e indignazione davanti all'ennesima tragedia del mare dove sono morti 13 migranti e 8 bambini dispersi dopo un naufragio avvenuto nella nottata .

"Il nostro appello al Governo Italia e passare dai litigi 'porti aperti' e 'porti chiusi' a vite salve e diritti universali garantiti e mettere in agenda di concretizzare gli accordi bilaterali e non farli rimanere solo accordi unilaterali solo dalla parte italiana e muoversi a livello europeo per mettere nero su bianco e non solo buona volontà una legge d'immigrazione europea che coinvolga tutti i paesi. Infine ricordiamoci della Libia, la prima di tutte le patrie per la questione dell'immigrazione irregolare: senza la sua stabilizzazione non si va da nessuna parte per bloccare il mercato degli esseri umani e la tortura e la violenza nei confronti di donne, bambini e migranti" .

Cosi dichiara Foad Aodi presidente Amsi e Co-mai e membro Gdl Salute Globale Fnomceo.

condividi su:



SEGUICI SU:



Articoli Correlati