16 settembre 2019

Fondazione GIMBE: "Sanità pubblica saccheggiata negli ultimi 10 anni"

Rilanciare la sanità pubblica con investimenti rilevanti attraverso una radicale riprogrammazione del finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale. Lo chiede al nuovo Governo la Fondazione GIMBE, che ha lanciato un appello rivolto in particolare al Ministero della Salute e a quello di Economia e Finanza.

“Nell’ultimo decennio tutti i Governi hanno contribuito a sgretolare il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), la maestosa opera pubblica costruita per tutelare la salute delle persone - ha dichiarato Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione - Le parole non sono più sufficienti, ma servono azioni concrete in tempi rapidi".

Secondo un nuovo report pubblicato dalla Fondazione, nell'ultimo decennio la sanità pubblica ha subito una decurtazione di oltre 37 miliardi di euro, 12 dei quali sottratti solo nel periodo 2015-2019. La sanità ha quindi pagato a caro prezzo la crisi che negli ultimi 10 anni ha colpito il nostro Paese, perdendo notevoli risorse per i suoi professionisti, con conseguenze pericolose per la qualità dell'assistenza rivolta ai cittadini.

Particolarmente urgente per invertire la rotta, secondo Cartabellotta, risulta essere la stipula del Patto per la Salute 2019-2021, legato a un finanziamento aggiuntivo del Fondo sanitario nazionale assegnato dall’ultima Legge di Bilancio. 

condividi su:



SEGUICI SU:



Articoli Correlati