17 giugno 2019

FNOMCeO: A Massa Carrara il 22 giugno un Corso sulla certificazione medica

Comunicato stampa FNOMCeO

 

In quali casi è necessario il certificato medico per fare attività fisica? E come conciliare l’atto della certificazione con l’obbligo al segreto professionale? Ancora: come compilare un certificato di gravidanza, per adozioni, per invalidità civile? Saranno molti, e di grande valenza giuridica ma anche pratica, gli argomenti al centro del corso “La certificazione medica”, che, organizzato dall’Ordine dei Medici di Massa e Carrara e patrocinato e accreditato dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo) nell’ambito dell’Educazione continua in Medicina (Ecm), si svolgerà al Nuovo Ospedale Apuano di Massa (Via Mattei 21) il prossimo sabato 22 giugno, a partire dalle 9.

Tra i relatori, oltre al presidente dell’Ordine dei Medici di Massa e Carrara, Carlo Manfredi, e al Vicepresidente, Mario Battistini, ci saranno Sergio Fucci, magistrato, docente di bioetica e giornalista, Marco Di Paolo, medico legale, Massimo Angelotti, neurologo, Fabrizio Caldi, medico del lavoro, Marcello Fontana, dirigente dell’ufficio Legislativo della Fnomceo, Mariella Immacolato, direttore Unità Operativa Complessa di Medicina Legale, Asl 1 Massa e Carrara, Massimo Martelloni, Direttore Unità Operativa Medicina Legale e Risk Management, Lucca, azienda Usl Toscana Nord Ovest.

“Il corso prende il via dal volume ‘La Certificazione medica’, edito da Fnomceo, che è diventato anche un corso di Formazione a distanza – spiega il presidente dell’Ordine ospite, Carlo Manfredi – In questa giornata ci focalizzeremo su alcuni aspetti, che più frequentemente investono i medici nei loro diversi ruoli professionali”.

“La certificazione ricopre un ruolo fondamentale nell’ambito della documentazione dell’attività medica – afferma il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli - L’atto del medico certificatore si configura come una delle incombenze più frequenti della pratica medica quotidiana e spesso impone al professionista riflessioni e problematiche”.

 

Condividi su:



Articoli Correlati