aborto alabama
15 maggio 2019

Alabama. Aborto: vietato anche in caso di stupro o incesto

Dopo l’approvazione della Camera, anche il Senato dell’Alabama ha dato il suo si per la nuova legge sull’aborto con ben 25 voti contro 6, rendendo lo Stato del sud uno dei più rigidi in materia di legge sull’interruzione di gravidanza.

Il provvedimento, che deve essere ancora firmato dalla governatrice Kay Ivey, vieta l’aborto in tutte le circostanze, anche in caso di incesto o stupro. Unica eccezione l’imminente pericolo di vita per la madre.

Inoltre, i medici che proveranno a eseguire una IGV (interruzione di gravidanza volontaria) possono essere condannati fino a 10 anni di reclusione, mentre rischiano l’ergastolo se ne portano una a termine.

La Aclu (Unione americana per le libertà civili) ha dichiarato di voler impedire l’applicazione del progetto di legge ricorrendo alla giustizia. In realtà, l’obiettivo dichiarato dei promotori del provvedimento è arrivare alla Corte suprema per tentare di revisionare la Roe v. Wade del 1973 che rese legale l’aborto in tutti gli Stati Uniti.

State dicendo a mia figlia: tu non conti nulla nello Stato dell’Alabama, gli uomini possono stuprarti e tu avrai questo bambino se resti incinta”, ha affermato Bobby Singleton, democratico al Senato locale, dopo il rigetto di un emendamento con eccezioni ai limiti.

Nel frattempo, si attende la firma della governatrice Ivey che non si è ancora pronunciata, ma che si è sempre battuta contro l’aborto.





Fonte: ANSA

Condividi su:



Articoli Correlati