01 aprile 2021

Santobono (Napoli), parla il direttore generale Rodolfo Conenna: “Bambini piccoli ricoverati per le varianti Covid e Mis-C”

Ai microfoni del Tg1 il direttore generale dell'ospedale pediatrico Santobono di Napoli, ha ribadito che il Covid può colpire anche i bambini in età pediatrica, spiegando che, “Abbiamo sette otto ricoverati, hanno una caratteristica unitaria: sono tutti bambini piccoli, di due e tre anni, con febbre alta e diarrea. Ma c’è una patologia più grave, la Mis-C, che solitamente si sviluppa nei bambini che hanno avuto il Covid in forma asintomatica. A distanza di un mese dall’infezione, infatti, questi bambini possono presentare sintomi più gravi e attualmente sono due i pazienti ricoverati” ha spiegato il Dg del Santbono, Rodolfo Conenna. Tuttavia, c’è una notizia positiva: “Già dalla prossima settimana attiviamo vaccini per adolescenti di 16 anni fragili, con tanto di anticorpi monoclonali, una terapia precoce che si fa ai bambini al di sopra dei 12 anni che hanno contratto le infezioni”.

Il direttore generale del Santobono ha fatto un punto della situazione anche sulle condizioni di salute del piccolo Vincenzino, il bambino di Portici (Napoli) ricoverato nei giorni scorsi in ospedale dopo che è stato trovato in fin di vita nella sua abitazione, ribadendo: “Vincenzo è estubato, non sta ancora bene, ma respira autonomamente e beve latte. Venerdì saranno verificate le condizioni delle lesioni da ustioni e dello strato di cute”.

A Portici l’apprensione per le condizioni di salute per il neonato è alle stelle. Il bimbo – diventato il simbolo di speranza – ha l'appoggio dei cittadini e del sindaco, che ogni giorno si preoccupa di informare la città sulle condizioni di salute di “Vincenzino”. Infatti, l’idea del Comune è quella di una vera e propria gara di solidarietà per aiutare il piccolo quando uscirà dall'ospedale: borse di studio, indumenti, generi di prima necessità. Insomma, chiunque volesse aiutare questo piccolo guerriero – come ha spiegato, invece, il sindaco Enzo Cuomo – lo potrà fare donando.

(Daniele Gentile - Rcs Salute)

Condividi su:



SEGUICI SU:



ADS:




Articoli Correlati