20 novembre 2020

Bambini e adolescenti in casa, l'esperto: "Rischio postura e dolori"

Con il ricorso alla didattica a distanza, l'esposizione prolungata davanti al monitor del pc e le palestre chiuse, sono tantissimi i ragazzi in tutta Italia che trascorrono le giornate all'insegna della sedentarieta', a discapito della salute della colonna vertebrale e di tutto l'apparato scheletrico. A cio' si aggiunge il rischio obesita' dovuto a una alimentazione ricca di cibi grassi e bevande zuccherate, che contengono peraltro delle sostanze che fanno male alle ossa. Per capire quali sono le posture corrette da assumere da seduti, gli stratagemmi per evitare i dolori muscolari e il menu' ideale che mamma e papa' possono portare in tavola, l'agenzia di stampa Dire si e' rivolta a Sergio Sessa, ortopedico presso l'ospedale pediatrico Bambino Gesu' di Roma.

- Tra le ore passate sui banchi di scuola, o con la didattica a distanza e le palestre chiuse, l'attivita' fisica in questo periodo e' notevolmente ridotta. Quali possono essere i rischi di questa sedentarieta' che danneggiano la colonna vertebrale di bambini e ragazzi?

"Questa pandemia ha ridotto molto le attivita' generali e questo riguarda i soggetti piu' giovani ma anche gli adulti. Pensiamo anche all'eta' adolescenziale, dove i ragazzi trascorrono buona parte della giornata seduti a chattare, giocare ma anche agli adulti che lavorano in smart working. Tutte queste circostanze - unite alle restrizioni vigenti - oggi hanno ridotto di molto l'attivita' e quindi aumentato la sedentarieta' e questo ha comportato danni. Una minore attivita' va a discapito della nostra articolazione e incrementa i dolori di tipo muscolare andando a inficiare ulteriormente sulla nostra qualita' di movimento. E poi c'e' un altro aspetto da sottolineare, quello di un ormone particolare che e' la serotonina, il cosiddetto ormone del benessere. Questo ormone e' molto dipendente dall'attivita' fisica. Dunque una minore attivita' riduce l'ormone in circolo e il meccanismo di compenso che scatta e' quello di mangiare di piu' zuccheri e grassi andando quindi ad aumentare il peso corporeo. Cio' incide ancora di piu' sul quadro fisico e psicologico, gia' molto compromesso dalla pandemia. Cervicalgia, lombalgia e cefalea percio' possono compromettere lo stato generale di salute del soggetto. E' per questo che e' importante rivolgersi a delle figure specifiche. Presso il Bambino Gesu' ci sono degli ambulatori dedicati con personale specializzato che si occupano di qualsiasi tipo di patologia ortopedica".

- Ci sono delle posizioni alla scrivania o davanti al pc che devono essere evitate, e perche'? E quali sono invece quelle corrette?

"Quando si studia o si lavora va evitato il divano. Esistono delle scrivanie e delle sedie ergonomiche, ma non sempre sono di largo uso per cui il consiglio puo' essere quello di utilizzare cuscini da 'sistemare' a livello del tratto lombare per aumentare la lordosi e mantenere la postura idonea. L'altra regola base e' mantenere sempre lo schermo del pc all'altezza degli occhi mantenendo una naturale e fisiologica postura della cervicale. E' molto utile avvalersi di un poggiapiedi che a sua volta aiuta sia la lordosi-lombare che la lordosi-cervicale e dall'altro lato, nei soggetti di eta' piu' avanzata, aumenta anche la perfusione periferica. Questo soprattutto per coloro che hanno problemi di circolo. Fare poi attenzione ai polsi quando si usa la tastiera e il mouse. Quando si sta seduti poi le spalle vanno tenute quanto piu' dritte possibili e in asse con il bacino".

 

- Esistono dei facili esercizi che possono essere eseguiti a casa per rinforzare l'apparato muscolare? Puo' offrire qualche consiglio extra alle mamme e ai papa' che ci seguono, utile per

rafforzare le ossa dei ragazzi magari attraverso l'alimentazione?

"Il consiglio principale, a livello generale e per tutte le eta', e' quello di muoversi quanto piu' possibile. E' bene evitare di usare l'ascensore e optare per le scale per raggiungere casa. E a chi studia o lavora a casa consiglio di fare delle pause ogni ora per 5 o 10 minuti banali ed eseguire degli esercizi di stretching. In linea generale non abbandonare mai l'attivita' fisica. Il peso puo' andare a inficiare sulla normale formazione delle ossa soprattutto dei bambini: per questo consiglio a tutte le mamme, in particolar modo nella fase dell'accrescimento, di seguire una alimentazione corretta e di avvalersi della dieta mediterranea che e' molto varia. Assumere la vitamina D attraverso i vari alimenti cosi' come e' importante introdurre le proteine. Al tempo stesso e' fondamentale ridurre quanto piu' possibile l'uso delle bevande zuccherate perche' contengono delle sostanze all'interno che vanno ad intaccare la normale formazione dell'osso".

Condividi su:



Articoli Correlati