29 ottobre 2020

De Luca tradito da Conte: “In Campania avevamo chiesto medici ma siamo rimasti soli”

Si sente tradito dal governo, Vincenzo De Luca, governatore della Campania. A far emergere il suo malessere è una lettera che il numero uno della giunta regionale ha indirizzato al premier Giuseppe Conte, in cui spiega che erano attesi seicento medici per contrastare la seconda – violenta ondata – di Covid in Campania, ma che nei fatti sono pressappoco 22 quelli inviati da “Roma”. "Signor Presidente, le segnalo con preoccupazione e sconcerto il fatto che a 15 giorni dagli incontri da me avuti con esponenti di governo, le principali richieste avanzate dalla Regione Campania per affrontare l'epidemia Covid rimangono tutt'oggi senza risposta".

Con queste parole il governatore De Luca, reduce di pesanti contestazioni da parte dei cittadini per la scelta di imporre un coprifuoco e addirittura annunciare un lockdown regionale, spiega che la situazione senza aiuti del governo può solo peggiorare.
 "Le ricordo - sottolinea De Luca nell’esposto diffuso tramite Ansa - che avevamo chiesto l'invio immediato da parte della Protezione Civile di 600 medici (con particolare attenzione agli anestesisti) e 800 infermieri. Ad oggi sono arrivati solo 22 medici e 81 infermieri. E' una situazione sconcertante e intollerabile se si tiene conto del fatto che la Regione Campania ha una sotto-dotazione drammatica di personale". 

Insomma, lo stesso De Luca ha chiaramente ribadito che attualmente in Campania, l’emergenza sanitaria viene affrontata con poco personale e in generale c’è un sottorganico che riguarda l’intero settore sanitario: medici, infermieri, anestesisti, rianimatori e via dicendo. Ad esempio, stanno alle numerose interrogazioni – anche parlamentari – degli ultimi mesi è emerso che, il Covid Center dell’ospedale del Mare è dotato di soli 12 posti di terapia intensiva attivati su 72 dichiarati nel momento dell'inaugurazione, con soli due moduli su tre entrati in funzione e sta accogliendo pazienti che vengono curati dagli stessi medici e infermieri dell'Ospedale del Mare. In buona sostanza non ci sono state nuove assunzioni e ora medici e infermieri sono costretti a far funzionare sia il Covid Center che l'Ospedale del Mare basandosi sempre sulle stesse forze.

(Daniele Gentile – Rcs Salute)

Condividi su:



Articoli Correlati