13 ottobre 2020

Trapianto di mani, dopo dieci anni Carla acquisisce sensibilità

Una storia lunga è difficile quella di Carla Mari, fatta di sofferenza ma alla fine anche di gioia per il ritrovato utilizzo delle mani. Alla donna, a causa di una sepsi, le erano state amputate entrambe le mani, e secondo i medici l’unica soluzione era quella di un invasivo trapianto. Oggi, a dieci anni di distanza dall’intervento, la donna ha ripreso ad "Abbracciare, posso stringere mani, posso accarezzare i miei nipotini, posso toccare la vita e tutto l'impegno, la fatica, anche il dolore, è solo un ricordo del passato, ogni azione quotidiana è diventata così normale che spesso anche i miei familiari "dimenticano"". Sono passati dieci anni dal doppio trapianto di mani, il primo effettuato in Italia, rimasto ancora un unicum, effettuato al San Gerardo di Monza nella notte del 12 ottobre 2010.

Oggi Carla Mari sta bene e ha riacquistato la sua autonomia con una buona motilità delle mani, che le erano state amputate con i piedi tre anni prima dell'intervento, per postumi di una sepsi generalizzata sistemica, grazie ad un trapianto da donatore. "Ci sarà sempre da parte mia - dice Carla Mari - una riconoscenza infinita per la famiglia che ha fatto in modo che io abbia potuto "rinascere", e per tutta l'équipe medica che prima, durante e oggi mi ha seguita non solo, anzi mai, come una paziente, ma sempre in un modo così familiare e direi affettuoso, da farmi sempre sentire parte di un grande progetto, soprattutto umano".

 L'uso delle cellule staminali mesenchimali autologhe utilizzate nel trapianto, una intuizione del professor Andrea Biondi, preparate nel laboratorio Verri e utilizzate in più occasioni nell'arco di questi anni, sembrano aver dato - spiega l'Asst di Monza - il loro positivo apporto, non avendo avuto episodi di rigetto e con una terapia di mantenimento mono farmaco sotto la soglia terapeutica. "Un successo per la sanità pubblica - commenta il Direttore Generale della ASST Monza Mario Alparone - e un successo per la nostra Azienda che dieci anni fa ha eseguito il doppio trapianto e che oggi brinda insieme a Carla per il risultato, dando una speranza a chi è ancora in attesa di un trapianto da donatore".

 "L'elenco dei professionisti da ringraziare per questo bellissimo risultato è lungo, ma alcuni per il loro costante e prezioso lavoro devono essere menzionati - sottolinea il dottor Massimo Del Bene, direttore della Chirurgia plastica e della mano -. Il dottor Umberto Mazza e la dottoressa Francesca Barile, che grazie al loro studio psicologico preparatorio e postoperatorio, che continua ancor oggi con Carla, hanno dato il benestare per il trapianto; la dottoressa Maria Luisa Melzi con il dottor Pietro Enrico Pioltelli che hanno impostato e seguito i protocolli terapeutici, diminuendo sempre più i farmaci fino ad arrivare ad oggi ad un solo farmaco ed è l'unico caso al momento nel mondo in un trapianto bilaterale di mani; Il dottor Giuseppe Gaipa e la dottoressa Daniela Belotti per aver creduto nel progetto e aver preparato le cellule staminali autologhe".

Fonte: Ansa

Condividi su:



Articoli Correlati