08 ottobre 2020

Campania. De Luca fa il punto della situazione: “Tamponi consentiti a strutture private, nessun ammanco di posti letto”

A parlare è il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, al termine di una riunione con i vertici della Sanità. “Lo sceriffo” ha precisato, in primis, che non c’è alcuna carenza di posti letto negli ospedali campani e le cure saranno garantite, come sempre, a tutti i pazienti Covid. Una affermazione che in un momento del genere appare come una vera e propria rassicurazione, soprattutto considerando che, attualmente la Campania continua a essere la regione maggiormente colpita dal virus con una media di 550 novi positivi al giorno.,  

Tuttavia, nella riunione con i componenti dell’Unità di Crisi e i direttori generali delle Asl e delle Aziende ospedaliere di Napoli e provincia, sono state stabilite una serie di linee guida per contrastare la diffusione del Covid e per favorire lo screening ai cittadini. Di fatto, nel corso della riunione, anche in considerazione del quadro epidemiologico e del massivo contact tracing in atto, “Si è deciso di autorizzare le strutture private ad effettuare tamponi a singoli privati cittadini, con obbligo di comunicare gli esiti, positivi e negativi, alla piattaforma sanitaria regionale – rivela la nota della Regione -. È stata ribadita ai direttori generali l’indicazione di comunicare l’esito dei tamponi in 24/48 ore massimo, con particolare attenzione ai casi sospetti nelle scuole. Le strutture competenti sono state richiamate a trasmettere i numeri telefonici per consentire l’invio del risultato del tampone via sms, come già avviene per alcuni laboratori".

"Nella giornata di domani sarà aggiudicata la gara di Soresa per scegliere ulteriori laboratori in grado di aumentare il numero di tamponi. Sui test salivari – prosegue la missiva - è stato comunicato dal Ministero della Salute che sarà validata a breve una specifica tipologia di test. Domani incontrerò il Ministro Speranza e il Commissario Arcuri per una verifica complessiva, e per anticipare la richiesta di una fornitura importante di test salivari appena validati”.

 

Fonte: Regione Campania

Condividi su:



Articoli Correlati