11 settembre 2020

Monza. Arriva il primo supermercato al mondo “Autism friendly”: luci meno intenso e altoparlanti sensibili

Nessun "bip" in cassa, altoparlanti con volumi bassi e luci meno intense. Sono alcune delle  caratteristiche che rendono il supermercato in via Marsala a Monza, il primo "Autism friendly" in tutto il mondo. Il progetto, come rivela una nota, che vede impegnate Coop Lombardia in collaborazione con l'associazione Pizzaut e la onlus Alla3, è stato presentato a inizio settimana mentre a partire da ieri, il supermercato è pienamente funzionante.

Il primo supermercato adatto a persone con autismo, con personale qualificato

Si tratta di un progetto unico al mondo. Per la prima volta un supermercato con personale qualificato e tanti piccoli accorgimenti che garantiranno una maggiore inclusione a persone con diverse disabilità cognitive. Tra le novità più importanti c'è l'introduzione della comunicazione aumentativa alternativa (Caa) che consiste nell'utilizzo di pittogrammi modulati in base alle esigenze. Le segnalazioni tradizionali presenti in tutte le corsie saranno quindi integrate con questa tipologia di linguaggio grafico molto semplice. "Sarà un valore aggiunto per tutti i consumatori anche per il fatto che sarà comprensibile a tutti i clienti", spiega a Fanpage.it Andrea Pertegato, responsabile della comunicazione di Coop Lombardia. Il cuore vero del progetto rimane però la formazione del personale. E qui, a essere di supporto è stato Nico Acampora ideatore di "Pizzaut – nutriamo l'inclusione". "Abbiamo affiancato il personale – spiega Acampora – cercando di spiegare che cos'è l'autismo e come comportarsi in caso di una crisi. Soprattutto come approcciarsi ai genitori, ma anche alle persone intorno che molto spesso non capiscono quello che sta accadendo". Il progetto non riguarderà solo Monza, ma si sta espandendo in tutti i negozi Coop.

A Milano aprirà l'Accademia di Pizzaut per pizzaioli

Durante l'inaugurazione dello store a Monza, i ragazzi di Pizzaut sul loro camioncino da street food hanno sfornato 132 pizze. Un'attività che questi giovani con autismo fanno con amore e passione, trovando un ruolo importante nella società. Per questo Pizzaut farà partire ad ottobre un'accademia: la Aut Academy.

 

Condividi su:



SEGUICI SU:



ADS:




Articoli Correlati