10 settembre 2020

Choc a Roma, maestra di 45 anni ha paura del Covid: si lancia dalla finestra e muore

Un altro suicidio choc legato alla pandemia. Proprio in questi giorni erano stati pubblicato i dati relativi ai suicidi legati al Covid, ovvero un incremento di casi a partire dal lockdown. L’ultimo episodio, verificatosi in provincia di Roma, lascia tutti sgomenti perché, questa volta, a finire nella mora della disperazione è toccato a una giovane maestra.

La vicenda

L’insegnate – per la quale inizialmente si era ipotizzato un malore – secondo le forze dell’ordine si è lanciata dal quinto piano della sua abitazione, decidendo così di porre fine alla sua vita. Secondo quanto riportato da Il Messaggero si tratterebbe di una maestra d'asilo di 45 anni ossessionata dall'idea di aver contratto il coronavirus. Al marito, che aveva provato a calmarla durante il giorno, aveva detto che era sicura di avere il Covid-19. A nulla erano valse le rassicurazioni del medico: questo, unito al fatto che non sapeva quando sarebbe potuta tornare a lavorare, l'ha spinta in una spirale di disperazione e panico tali da spingerla a compiere il gesto estremo.

Il marito ha provato a salvarla 

Sempre secondo quanto riportano le colonne del Messaggero, la maestra non soffriva di depressione, tuttavia il Covid e una serie di fattori l’hanno spinta nella spirale della diperazione. Il giorno prima del gesto estremo infatti, fino a notte fonda, il marito aveva cercato di calmarla fino a farla addormentare e poi, anche lui, sfinito, aveva ceduto al sonno. Verso le 7 lei si è alzata e si è lanciata dalla finestra. A trovare il corpo, un passante che ha dato l'allarme. Inizialmente si era ipotizzato un malore, poi la scoperta: la donna aveva deciso di uccidersi lanciandosi dal quinto piano. Il pubblico ministero ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, ma si tratta principalmente di un atto dovuto, la dinamica di quanto accaduto è ormai chiara.

Fonte: Il Messaggero 

Condividi su:



Articoli Correlati