04 agosto 2020

Lo studio lo dimostra: in punto di morte, con il cuore che cessa di battere, l'udito funziona ancora

Uno studio rivela che le ultime parole sussurrate a un nostro caro che purtroppo se ne sta andando, sono efficaci: l'udito continua a funzionare. Infatti, anche se in punto di morte e incoscienti, durante gli ultimi istanti della nostra vita riusciamo ancora a percepire i suoni intorno a noi: è quanto svela una ricerca pubblicata su Scientific Reports, che tuttavia non dà certezze sulla sorte delle parole che pronunciamo ai nostri cari prima di salutarli per sempre: "Il cervello dei pazienti analizzati ha risposto agli stimoli uditivi", spiega Elizabeth Blundon. Così, adesso sappiamo che quelle ultime parole sussurate a qualcuno in punto di morte, arrivano al destinatario. 

La ricerca

Grazie all'elettroencefalografia, un metodo che consente di registrare l'attività elettrica dell'encefalo, gli studiosi hanno potuto monitorare l'attività del cervello di un gruppo di pazienti incoscienti durante le loro ultime ore di vita, confrontandola con quella di altri pazienti coscienti e di un gruppo di controllo sano. In particolare, gli esperti hanno cercato nei tracciati registrati dalle macchine la presenza di segnali elettrici cerebrali chiamati MMN, P3a e P3b, che si attivano quando il cervello riconosce dei suoni anomali in una sequenza ripetitiva. "La maggior parte dei pazienti incoscienti ha mostrato di reagire inviando dei segnali MMN, e alcuni hanno anche mostrato delle risposte P3a e P3b", si legge sulla ricerca.

 È importante sottolineare che riconoscere alcuni suoni non significa comprenderne il significato: non è affatto chiaro se una persona che sta per morire possa capire le parole che le vengono dette, riconoscendo la voce di chi sta parlando, oppure se percepisca solamente dei suoni senza distinguerli. Tuttavia Romayne Gallagher, uno degli autori dello studio, sottolinea il fatto che la ricerca "dà credito ai racconti di infermieri e medici, secondo i quali i pazienti che stanno per morire traggono conforto dalle parole dei loro cari".

Fonte: Scientific Reports

Condividi su:



SEGUICI SU:



ADS:




Articoli Correlati