29 giugno 2020

Ebola, finita l’epidemia che dal 2018 piega il Congo: lo ha annunciato l’Oms

Forse le parole che tutti adesso vogliono sentire sarebbero il Covid-19 è stato sconfitto, ma purtroppo per ora si può solo attendere un vaccino e sperare. Tuttavia, giovedì è stato sconfitto un altro virus che in termini di mortalità, è addirittura peggio: l’Ebola. Ad annunciarlo è stata l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma con il mondo alle prese con il Covid questo importante traguardo è comprensibilmente passato inosservato.

Focolaio in Congo

La decima epidemia di Ebola fu dichiarata all’OMS il 1° agosto 2018, poco meno di due anni fa: l’Ebola è una febbre emorragica che porta rapidamente alla morte. Il fatality rate, ovvero la percentuale di persone contagiate che muoiono, è del 50 per cento, ma si arriva anche al 90. Per il covid-19 siamo attorno al 5, e anche se i conti reali si faranno alla fine, la differenza è eclatante.

In questo caso i morti ufficiali sono quasi tremila, tutti in Congo. Gli sforzi per contenere l’epidemia sono stati molto complicati dalle condizioni complessive del paese: da una parte c’era la sfiducia verso la scienza di buona parte della popolazione (quelli che dicevano: il virus non esiste.

Un anno fa esatto l’OMS dichiarò l’Ebola una emergenza sanitaria globale. Come è stata battuta? Con il vaccino, il primo vaccino per l’Ebola, un successo storico, che è stato realizzato rapidamente da una multinazionale americana; si chiama Ervebo e 300 mila dosi sono già state somministrate; e poi una rete di medici ha inventato una specie di cubo trasparente, il Cube, che è economico, trasportabile, montabile in poche ore e riusabile fino a 10 volte.

Fonte: La Repubblica, Oms

Condividi su:



Articoli Correlati