26 giugno 2020

Coronavirus, primo bollettino dal ministero della Salute poco rassicurante: aumentano morti e contagi

Sono 296 i nuovi casi di contagio da coronavirus in Italia, in aumento rispetto agli ultimi giorni secondo i dati diffusi per la prima volta dal ministero della Salute. I decessi giornalieri sono 34, i guariti 614. I casi totali sono quindi ora 239.706. Gli attualmente positivi sono 18.303. Le persone in terapia intensiva 103, quattro in meno di ieri.

Lombardia 57,4% nuovi casi e 22 decessi - In Lombardia, la regione più colpita, si registrano 170 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, il 57,4% del totale nazionale di 296. In Emilia Romagna 47 nuovi contagiati, pesa il focolaio alla Brt di Bologna. In doppia cifra anche Liguria (14) per il cluster in una Rsa e la Campania (12) per gli infettati nella comunità bulgara di Mondragone nel Casertano. I tamponi sono in aumento rispetto a ieri a quota 56.061. In Lombardia si registrano anche 22 decessi sui 34 giornalieri di tutta Italia.

La situazione in America

Balzo dei casi di coronavirus negli Stati Uniti. Nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 37.077 con 692 morti, secondo i dati dei Centers for Disese Control and Prevention americani.
I dati della Johns Hopkins University indicano che negli Usa si registrano ora 2.422.299 contagi e 124.410 morti. 

L’India brucia

L'India ha registrato un record di oltre 17 mila nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore: lo ha reso noto oggi il ministero della Sanità, che parla anche di 407 nuovi decessi. I nuovi dati portano il bilancio complessivo dei contagi a quota 490.401 e quello dei morti a quota 15.301.
Nell'ultima settimana si registrano nel Paese almeno 15 mila nuovi contagi ogni 24 ore. I pazienti guariti o dimessi dagli ospedali sono finora 285.636, mentre le persone attualmente positive sono 189.463. Secondo il ICMR, l'equivalente dell'Istituto Superiore di Sanità indiano, ieri sono stati effettuati 215.446 test.
L'India è al quarto posto al mondo per numero di casi dopo Stati Uniti, Brasile e Russia.

Condividi su:



SEGUICI SU:



REGISTRATI SU:



Articoli Correlati