25 giugno 2020

A 8 anni non riesce a mangiare niente, da Tirana a Napoli per un intervento che le ha cambiato la vita

Alexandra, 8 anni, di Tirana, a causa di una patologia, l'acalasia esofagea, non riusciva a mangiare cibi solidi, arrivando a essere in pericolo di vita. La sua famiglia però non si è mai arresa e Alexandra dopo un complesso intervento realizzato al Policlinico Federico II di Napoli ora sta bene ed è tornata a casa sua in Albania. La bimba è stata presa in carico dal gruppo multidisciplinare della pediatria del Policlinico Federico II di Napoli. A inquadrare la patologia è stata Annamaria Staiano, direttore dell'unità operativa complessa di pediatria generale, e a operarla Ciro Esposito, direttore dell'unità operativa complessa di chirurgia pediatrica.

Alexandra, dopo pochi giorni dall'intervento, è stata dimessa, è tornata in Albania, mangia serenamente senza alcun problema e grazie alle nuove tecnologie è monitorata a distanza. Oggi è completamente guarita, è fuori pericolo grazie allo straordinario intervento eseguito dagli specialisti di Napoli.

 

La bambina, dopo le dovute visite di controllo, è stata operata effettuando una miotomia extramucosa che si esegue per via laparoscopica con l'obiettivo di eliminare completamente l'ostacolo al passaggio del bolo di cibo e consentire al paziente di riprendere a deglutire normalmente. L'intervento consiste nella mobilizzazione della parte distale dell'esofago dall'addome: si scolla l'esofago dalle strutture anatomiche di ancoraggio naturale alla parete dell'addome e al diaframma e si incidono gli ultimi 5-7 cm delle fibre muscolari dell'esofago utilizzando nuovi sealing device e l'energia laser.

(Policlinico Federico II di Napoli)

Condividi su:



Articoli Correlati